Il porto sicuro dei Bond Usa

Giornata di “panic buying” (panico d’acquisto) non solo sul Bund tedesco, che ha raggiunto nuovi massimi di prezzo (145,28) e nuovi minimi di tasso (1,28%), ma anche sui titoli di stato Usa.
Per rendersi conto dell’appetito degli investitori Usa per un’asset class che offre da tempo rendimenti reali negativi (inferiori all’inflazione), basta considerare che oggi l’etf TLT (che replica un portafoglio di T-Bond con scadenza pari o superiore a 20 anni) ha registrato volumi di scambio superiori a 2 volte la media mensile, il picco giornaliero più elevato dal 1 novembre 2011.
I tassi sulle diverse scadenze sono tutti scesi sotto i minimi raggiunti a fine settembre 2011, i Treasuries 10, 7 e 5 anni hanno raggiunto oggi i seguenti rendimenti: 1,617%, 1,051% e 0,684%. Con questi tassi gli investitori scommettono in una nuova recessione o semplicemente sono il frutto del deflusso di capitali dalle asset class rischiose, quindi pura “emotività”.

Rispondi