Le preferenze dei gestori mondiali ad Agosto

Bank of America Merrill Lynch ha pubblicato i dati sul consueto sondaggio mensile tra i gestori di fondi mondiali.
La liquidità nei portafogli dei fondi rimane per il 2° mese di fila sopra il 5% (a 5,2% in calo dal 5,5% di luglio), un evento che non si verificava dall’inizio del 2009. Gli attuali livelli di cash sono stati sperimentati solo durante i minimi del 2011, 2012 e nel panico del 2008/2009.

BALM cash

Storicamente questo si dovrebbe considerare positivo in prospettiva per il mercato azionario, ma l’allocazione sulle azioni è rimasta invariata negli ultimi 2 mesi, dal punto di vista “contrarian” sarebbe stato meglio se scendeva.
I gestori si trovano ora come a luglio sovrappesati a +41% sulle azioni, livello superiore alla media storica.

BAML equities

A dispetto della sovraperformance che le caratterizza negli ultimi 4 mesi, sulle azioni Usa il sottopeso dei gestori è aumentato ad Agosto a -14%. Sulle azioni Usa il sottopeso è stato superiore al livello attuale solo in altre 2 occasioni negli ultimi 8 anni, Maggio scorso e Gennaio 2008. Per un confronto, solo a Gennaio le azioni Usa erano sovrappesate a +24%.

BAML US

Dopo il record storico di Marzo a +60%, il sovrappeso sulle azioni dell’Euro zona è aumentato a +47% dal +40% di Luglio. Un livello a 1,3 deviazioni standard dalla media storica, che potrebbe implicare un periodo di sottoperformance rispetto alle azioni globali, Usa in particolare.

BAML EZ

L’allocazione dei gestori sulle azioni giapponesi si è mantenuta prossima ai massimi dei mesi precedenti, +40% di sovrappeso in crescita dal +37% di Luglio. Era dall’Aprile 2006 che non si registrava per 10 mesi di fila una tale preferenza per le azioni giapponesi.

BAML J

I gestori di fondi sono proprio in fuga dai mercati emergenti, non solo a giudicare dai flussi di capitale in uscita e dal ribasso delle rispettive valute, ma considerando il fatto che ad Agosto hanno portato il loro sottopeso ai minimi storici (a -32% dal -22% di Luglio). Fino ad ora la strategia di sottopesare questa area è stata vincente, ma l’attuale livello è a livelli estremi soprattutto comparandolo con il sovrappeso d’inizio 2014.

BAML EEM

I gestori continuano a sottopesare le obbligazioni, -59% invariato rispetto al Luglio. Guarda caso nelle ultime settimane le obbligazioni hanno ripreso a fare meglio delle azioni, su timori di una frenata dell’economia globale generata dalla crisi valutaria degli emergenti.

BAML bonds

Altra asset class evitata nell’asset allocation dei fondi sono le materie prime, che vedono un aumento del sottopeso in Agosto a -28% dal -22% di Luglio.
In questo caso siamo a 1,7 deviazioni standard dalla media di lungo termine.

BAML commodities

Non solo tramite il cash elevato ma anche con le coperture (hedging) che i gestori hanno ridotto il rischio di portafoglio, pur con un sovrappeso sulle azioni.
La percentuale dei gestori che hanno dichiarato di aver comprato protezioni (short su indici o opzioni put) per proteggersi da eventuali ribassi nei prossimi mesi è infatti ancora aumentata.
I precedenti non offrono un’indicazione netta, i casi di metà 2012 e metà 2014 hanno anticipato rialzi degli indici azionari, mentre quella d’inizio 2008, superato successivamente da un picco più elevato durante la crisi post-Lehman, ha anticipato come sappiamo un bear market.

Hedges

Concludendo:
La quota di cash elevata si spiega con il fatto che i gestori stanno sottopesando nei portafogli non solo le azioni emergenti e le materie prime, ma anche le azioni Usa e le obbligazioni.
A livello generale, non si può dire che i gestori di fondi siano ottimisti ma neppure ancora pessimisti, nella sostanza neutrali.
Una cosa è però certa l’evoluzione degli ultimi giorni sta spingendo gli investitori a scappare dal rischio (risk off), prova ne è la somma cumulata a 6 settimane dei flussi sui fondi monetari, la quale ha raggiunto velocemente un picco estremo come in poche occasioni negli ultimi 5 anni

money mkt funds

2 pensieri su “Le preferenze dei gestori mondiali ad Agosto

Rispondi