Investitori americani nervosi

È bastato un contenuto ribasso dell’SP500 per spingere gli investitori  americani dell’AAII a ridurre la quota azioni in un solo mese come mai fatto negli ultimi 9 anni, di converso balzo record del cash nei portafogli.
Per trovare un calo della quota azioni di 10 punti percentuali, dal 67.9% al 57.8%, bisogna tornare al maggio 2006, periodo in cui i mercati azionari subirono ribassi intorno al 10%.

image

Neppure nell’estate del 2011 si registrò un tale calo della quota azioni.
Opportunità d’acquisto?

Un pensiero su “Investitori americani nervosi

  1. Pingback: Investitori americani nervosi – Parte 2 | Paolo Calcinari Ansidei

Rispondi