Short Interest sulle azioni dell’S&P 500 ancora elevato

A conferma della tesi rialzista per gli indici Usa, è il caso di segnalare che lo “short interest” sui titoli che compongono l’S&P 500 si mantiene molto vicino ai massimi dell’anno.

Dall’inizio di febbraio lo “short interest”, cioè la quantità di azioni vendute al ribasso, è cresciuto di oltre il 7%, nello stesso tempo l’S&P 500 ha guadagnato più del 10%.
Gli “short sellers” quindi hanno insistito sui nuovi rialzi a speculare al ribasso, questo implica la possibilità di una domanda aggiuntiva di azioni (acquisti) attraverso le coperture di short (short covering).
Sui massimi intermedi di aprile 2012 lo “short interest” ammontava a 6 miliardi di azioni, mentre ora sfiora i 7.

 

Rispondi